Partner in Your Wellness
Header image

Ginecomastia

Posted by admin in 2. Décolleté, Seno
Intervento chirurgico

Nell’uomo la ghiandola mammaria non si sviluppa alla pubertà come nella donna rimanendo, perciò, a livello di abbozzo rudimentale. In alcuni soggetti maschili, vuoi per squilibri ormonali, vuoi per cause sconosciute, può verificarsi una certa crescita ghiandolare con la formazione di mammelle femminileggianti. Tale condizione prende il nome di ginecomastia e non costituisce, di per sé, un problema per la salute. Comporta, invece, spesso, conseguenze psicologiche rilevanti.

L’intervento correttivo consiste nella rimozione del tessuto ghiandolare ed adiposo in eccesso. Ciò viene eseguito con due tecniche diverse.
Quando la ginecomastia è sostenuta prevalentemente da un eccesso di tessuto adiposo è possibile asportarlo mediante lipoaspirazione. Attraverso una incisione di circa 4 millimetri, nel solco mammario, si introduce una cannula sottile collegata ad un aspiratore e si rimuove quanto necessario da tutta la regione mammaria con movimenti “ a raggiera”, l’intervento spesso lo si esegue in anestesia locale e sedazione e prevede un day-hospital.

Quando, invece, prevale il tessuto ghiandolare, che è molto più denso di quello adiposo e non è aspirabile mediante cannula, è necessario praticare una incisione di 4-5 cm tra l’areola e la cute o nel solco sottomammario (se l’areola è troppo piccola), e rimuovere chirurgicamente a vista il tessuto in eccesso.

In questo caso due piccoli tubi morbidi di drenaggio vengono inseriti nelle ferite al fine di raccogliere il sangue ed il siero che eventualmente potrebbero accumularsi. Tali drenaggi vengono asportati al momento della dimissione che solitamente avviene il giorno dopo l’operazione. Le suture, invece, verranno rimosse dopo circa dieci giorni.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 Both comments and pings are currently closed.